Approvazione dei PSN: la società civile Europa chiede trasparenza

06 settembre 2021 ― Aggiornamenti

Oggi 9 Coalizioni della Società Civile Europea, tra cui CambiamoAgricoltura, hanno inviato una lettera aperta ai Commissari Europei chiedendo che il processo di approvazione dei Piani Strategici Nazionali sia trasparente e ambizioso.

La definizione dei Piani Strategici della PAC è il momento chiave per fare in modo che l’agricoltura Europea sia un motore del Green Deal e aderente ai principi e ai target delle Strategie Farm to Fork e Biodiversità. Ma purtroppo gli Stati Membri hanno già dimostrato con le loro posizioni in Consiglio una scarsa ambizione, ed è per questo che il controllo e la verifica da parte degli uffici della Commissione Europea sui PSN sia puntuale e trasparente, così da garantire quel principio di “nessun passo indietro” tanto pubblicizzato dai Commissari.

Per questo le Coalizioni chiedono ai Commissari di garantire che tutti i portatori di interesse possano

  • Accedere alle bozze o ai progetti parziali dei PSN che gli Stati membri invieranno alla Commissione fino alla loro versione/approvazione finale.
  • Ricevere le ultime notifiche sullo stato di avanzamento dei piani (ad esempio presentazioni, valutazioni, feedback, revisioni, in attesa di approvazione/rifiuto), così come le informazioni di contatto per raggiungere i funzionari della Commissione europea e il supporto esterno di valutazione per domande e osservazioni sui piani strategici della PAC.
  • Valutare in modo indipendente le bozze dei piani della PAC, così come la qualità della procedura di approvazione della Commissione (es. coerenza, trasparenza, rigore, ambizione).

Per fare questo le coalizioni hanno proposto 6 azioni chiave:

  • Dimostrare come le varie DG coopereranno durante tutto il processo di approvazione
  • Pubblicare con largo anticipo gli strumenti che verranno utilizzati per vagliare, valutare e approvare le bozze dei piani strategici della PAC (criteri, griglie, linee guida, fonti di dati), e coinvolgere i cittadini in questo processo partecipativo attraverso le future reti della PAC.
  • Pubblicare integralmente i risultati delle valutazioni della Commissione europea sui piani presentati così come le lettere di osservazione e le raccomandazioni date per modificare e approvare le bozze dei piani strategici della PAC
  • Creare un canale di comunicazione pubblico per permettere alle organizzazioni della società civile, agli agricoltori o ai ricercatori di inviare domande, feedback rapidi, dati rilevanti o suggerimenti sui materiali presentati.
  • Durante la valutazione, identificare le aree in cui le decisioni prese nei piani strategici nazionali della PAC sono carenti di dati e informazioni al fine di migliorare la loro futura pianificazione, il monitoraggio delle prestazioni e la valutazione.
  • Raccogliere e pubblicare le versioni finali e complete dei Piani Strategici Nazionali della PAC approvati in un unico portale e nelle loro lingue nazionali.

Qui un articolo di approfondimento di Arc2020 sui contenuti della lettera e le richieste delle coalizioni (in inglese). Per l’Italia questo appello appare tanto più urgente perché il processo di condivisione del PSN appare alquanto tardivo e lacunoso (il primo incontro dopo mesi di silenzio è fissato per l’8 settembre prossimo), tanto che Coalizione CambiamoAgricoltura si rivolgerà alla Commissione Europea per chiedere di farsi garante della trasparenza e partecipazione anche nel nostro Paese.